Cerca in questo blog

20 agosto 2009

A Fonzie piace questo elemento!

Scrivo un post che forse avrei dovuto scrivere mesi fa riguardante uno strumento che quotidianamente ormai un utente di Facebook utilizza. Sto parlando dei cosiddetti "apprezzamenti" che si possono fare negli elementi (stato, link, foto etc..) di Facebook. Se c'è una caratteristica fondamentale e importantissima nel web 2.0 questo è sicuramente il feed RSS, che in maniera più o meno visibile regge la struttura di ogni social network. A mio avviso trovo questa modalità di fruizione dei contenuti sul web (e penso anche ai podcasting) davvero tra le scoperte del secolo. E' altresì inutile ribadire quanto sia importante selezionare l'enorme quantità di flusso di informazioni spesso non gradite arrivati sul nostro pc e non mi stancherò mai di fornire interessanti soluzioni in tal proposito. Sulla base di quanto detto dunque con l'RSS si possono fare tantissime cose: Twitter, ad esempio, è il perfetto esempio di un social network basato sul feed RSS. Con un semplice click sul pulsante "follow" nel profilo di un nostro amico, ci siamo abbonati a quello che il nostro amico ha da dire quando ne ha voglia (non a caso Twitter viene chiamato anche "microblogging"). Banalizzando all'estremo, è come se avessimo un interruttore ON/OFF nelle persone che ci stanno davanti o che si trovano nella stessa stanza e abbiamo il potere di selezionare i loro discorsi. "Tu dici cose interessanti... quell'altro no...". Bene, sulla stessa scorta quelli di Facebook hanno ben pensato di fare una cosa similare e simpaticamente hanno messo "Mi piace" e "Non mi piace più". Se io dico che uno stato ad esempio "mi piace" è come se mi fossi abbonato (follow!) a quello stato/link/foto e pertanto verrò d'ora in poi aggiornato con le notifiche di coloro che commentano o a sua volta apprezzano quell'elemento e pertanto non necessariamente deve piacere veramente, ma è un modo per rimanere in contatto su quello che si dice intorno a quell'elemento. Lo stesso avviene anche con gli album e così via. Ragionamento fatto quindi veniamo alla pratica e cioè a come possiamo utilizzare questo potente strumento. Un simpatico uso se ne potrebbe fare ad esempio per gli album di un nostro amico/a. Se in alcune foto ci siamo anche noi e non siamo taggati perché siamo in ogni foto o quasi, forse è il caso di fare un apprezzamento all'intero album così da poter seguire gli eventuali commenti a tutte le foto, anche in quelle in cui non ci siamo noi (leggasi "quelle in cui non siamo taggati"). Discorso diverso è da fare invece per il tag di una foto, che ci consente di essere informati sui nuovi commenti (ma solamente di quella foto) anche senza aver espresso apprezzamento, ma questo varrebbe un discorso a parte. Sono sicuro che molti di noi una volta comparse queste simpatiche "manine con il pollice all'in su" avranno sicuramente iniziato a farne uso improprio gettando apprezzamenti nella rete estesa praticamente nei link divertenti o perché si fa riferimento a noi etc. non facendo totalmente attenzione ad un uso più interessante di questo nuovo accessorio di Facebook. Il fatto che i social network usino un linguaggio piuttosto colloquiale e user friendly (scusate l'ho dovuto dire per forza, questa espressione fa tanto figo) non vuol dire che sotto non ci siano motivazioni di più profondo interesse e sicuramente utili per gli utilizzatori di Facebook.

Nessun commento: