Cerca in questo blog

17 giugno 2009

L'acqua con qualcosa in più... il virus!!

Un mix tra advertising e viral marketing? Si può!
Stamattina mentre lavoravo in ufficio la mia (carissima) collega a fianco mi fa notare un errore su una pubblicità dell'acqua minerale Gaudianello. Il claim dello spot recita "Gaudianello, effervesciente naturale". L'errore salta subito all'occhio, è la "i" di troppo. Di fronte a queste cose non posso stare senza dire nulla e penso "...che grandi quelli della Gaudianello, è un chiaro esempio di Viral Marketing", probabilmente pensiero derivato dalle mie conoscenze pregresse sulle pubblicità che, come sempre, mi portano a vederle con occhio critico. Un elemento in più e il sottotitoletto in basso che recità "l'acqua con qualcosa in più" questo mi ha aiutato a decifrare la raffigurazione e a capire che è impossibile che un pubblicitario possa mettere una cosa del genere sul web, sarebbe già stato licenziato, a mio avviso, e la pubblicità rimossa (con annessa furia omicida del committente).

Invece la mia collega c'è cascata innescando proprio il meccanismo "virale" di questa tipologia di promozione, ovvero il passaparola (cioè comunicandolo a me e io a voi tramite questo blog). Questo è stato attentamente studiato, a mio avviso, dai fautori della campagna. Oggigiorno infatti fare pubblicità non basta più, ne vediamo tantissima in giro e alla fine sembrano tutte uguali. Serve allora qualcosa in più, quel quid che faccia parlare la gente tra di loro e che possa allargare sempre più il bacino di potenziali acquirenti tramite la visione di un numero maggiore possibile di persone. Questo è l' ABC della pubblicità oltre che l'obiettivo. E' interessante a mio avviso vedere come il marketing e la pubblicità cooperino per un successo di una campagna, mentre di solito nel marketing tradizionale si succedevano (e ancora oggi si succedono). Intelligente anche la scelta di pubblicarli nei quotidiani on-line, che permetterebbero e faciliterebbero la trasmissione (in termini di scambio link) sul web garantendone la viralità.

In definitiva una campagna di sicuro successo che, come si evince dal sito ufficiale, si può trovare a Roma e che definiscono "scherzosa campagna". Simpatiche e smart sono le pubblicità dei giorni nostri, capaci di farci sorridere e non solamente di infastidirci.

Nessun commento: