Cerca in questo blog

18 aprile 2009

Flickr


Durante le vacanze pasquali nella splendida Sicilia e nel mentre che mi preparavo per il ritorno a Roma mi balenava l'idea di provare il social network per la condivisione di fotografie: FLICKR. Esso è il social network per definizione per chi vuole condividere le proprie fotografie professionali in un periodo storico in cui le fotocamere sono a portata di mano (e di tasca) di tutti, pertanto alla stragrande maggioranza di utenti del web.

In questi giorni dunque, in occasione della pasquetta mi sono divertito a scattare qualche fotografia con la mia fotocamera (una splendida SONY Cyber-Shot DS-T77 compatta ma da ben 10 MPXL) per sfruttarla finalmente non solo per fare le foto agli amici o alle serate, ma anche per vedere quanto può rendere al massimo, soprattutto se usata bene. 

Pur non essendo un fotografo professionista, ho fotografato forni, fiori, qualche dettaglio e per sino una zucchina e una carriola preoccupandomi di impostare l'ISO e la messa a fuoco. Devo dire che la macchina non mi ha deluso, anzi i colori sono risultati brillanti e la foto a mio avviso perfetta.

Che fare quindi con queste meravigliose foto? Mi sono iscritto a Flickr, e dopo aver creato un account Yahoo! accedo al pannello.

Attualmente sto caricando le foto e noto con piacere che hanno fatto un applicazione desktop per aggiungere le foto (con titoli, tag etc.) che lavora anche offline e si associa al proprio account. L'applicazione, una volta ritornati on line, accede al vostro account e pubblica le foto.

Come ogni social network che si rispetti inoltre possiede anche la possibilità di aggiungere "amici" (in flickr "contatti") in maniera tale da rimanere costantemente aggiornati sull'aggiunta di nuovi set. Il funzionamento infine risulta estremamente semplice, anche se devo segnalare che non è davvero poi cosi semplice all'inizio capire qual'è la home principale e come si organizzano le fotografie in album. Inoltre ho notato en passant anche che è possibile sistemare le foto in un mappamondo per taggare anche il luogo in cui è stata scattata. E' oppurtuno segnalarvi però che esistono due tipologie di account:

Nella versone basic è possibile caricare un massimo di 100 MB al mese e 2 video.
Nella versione pro invece credo sia illimitato, ma ha un costo di 24,95€ all'anno.

Secondo wikipedia l'account base viene chiuso dopo un periodo di 90 giorni se inutilizzato.

Ho colto anche l'aspetto "sociale" di questo network. A differenza degli altri (facebook, myspace etc.) questo è un social network molto serio, ovvero l'utente medio di Flickr è una persona che davvero alla fotografia come arte ci tiene e intende condividere le proprie foto con gli altri professionisti come lui, per farsi consigliare, commentare e per farsi conoscere, rimanendo sempre ad un livello molto alto di serietà. Infine non credo ci sia spazio per coloro i quali intendono occupare GB di spazio web per caricare le foto degli amici e delle serate viste le restrizioni di cui sopra. Per quello rimane maestro indiscusso Facebook e gli altri social network del genere, improntati più sul culto di sè (passatemi il termine) che sull'effettiva valenza professionale e artistica.

Concludo con un pay-off venutomi all'istante durante la stesura di questo post che potrebbe coincidere con la filosofia di questo SN.

"Flickr. Quando condividere Foto non significa condividere immagini".

Nessun commento: